Aerei FBI: pericolo per la privacy o sicurezza per i cittadini?

Recentemente l’Associated Press ha dichiarato che sono stati avvistati numerosi aerei americani che volavano a bassa quota nei pressi di alcune città americane. Dopo averli tracciati si è scoperto che gli aerei erano in possesso dell’FBI, che ne aveva menzionato ben 115 nel documento di bilancio federale del 2009.

Per molti anni questi aerei avevano aiutato l’FBI con le operazioni di sorveglianza al suolo, ora invece sono stati equipaggiati con telecamere hi-tech e dispositivi in grado di tracciare migliaia di telefoni e risalire ai propri possessori anche se non si stanno effettuando chiamate, anche se a quanto detto dall’agenzia quest’ultima tecnologia è usata raramente.

Charles Grasseley, presidente della commissione Giustizia del Senato, ha detto: “E’ importante che le forze dell’ordine abbiano gli strumenti essenziali per rintracciare e catturare i criminali, ma quando un’operazione monitora anche i cittadini americani che non sono sospettati, dobbiamo essere sicuri di salvaguardare la libertà degli americani innocenti”.

Logo dell’FBI, fonte wikipedia

L’FBI ha dichiarato che l’attrezzatura degli aerei serviva per investigazioni in corso e non per la sorveglianza di massa, associando a questi aerei 13 compagnie fittizie come  FVX Research, KQM Aviation, NBR Aviation e PXW Services. Queste finte aziende vengono utilizzate per proteggere la sicurezza dei piloti, l’FBI ha detto e per proteggere anche l’identità del velivolo in modo che i sospetti sul terreno non sanno che sono seguiti.
Per vedere il documento pubblico clicca qui

Ma l’FBI non è stata la prima ad adottare questi metodi, infatti la DEA, Drug Enforcement Administration, ha anche registrato imprese fittizie, secondo un rapporto dell’ ispettore generale 2011 del Dipartimento di Giustizia.

Aspetti fondamentali del programma del FBI sono trattenuti dal pubblico nelle versioni censurate di rapporti ufficiali da ispettore generale del Dipartimento di Giustizia, e l’FBI è stata anche attenta a non rivelare i suoi voli di sorveglianza in atti giudiziari. L’agenzia non dirà quanti aerei sono attualmente nella sua flotta.

Nel corso delle ultime settimane sono stati rintracciati aerei della flotta del FBI su più di 100 voli su almeno 11 stati più il Distretto di Columbia, incluse parti di di Boston, Chicago, Dallas, Houston, Minneapolis, Phoenix, Seattle e California del sud.

Alcuni voli orbitavano attorno grandi edifici chiusi per lunghi periodi in cui la fotografia aerea sarebbe meno efficace che i segnali di raccolta elettronica
David Gomez, un ex agente dell’FBI , ha detto che il velivolo di sorveglianza dell’FBI sono utilizzati per aiutare la sorveglianza a terra, permettendo agli agenti durante un inseguimento di rimanere indietro e non far saltare la copertura.

L’FBI ha chiesto di non divulgare i nomi delle compagnie finte, ma l’Associated Press ha rifiutato la richiesta perchè queste sono elencate in documenti pubblici e in database governativi.

Le forze dell’ordine hanno detto che gli avvocati del Dipartimento di Giustizia hanno approvato la decisione di creare società fittizie e che la Federal Aviation Administration era a conoscenza della pratica. L’FBI ha messo in pratica questi metodi sin dal tardo 1980, secondo un rapporto del 1990 della General Accounting.

Eugenio Corso